martedì 31 marzo 2009

e dopo ieri...ancora acqua!

martedì 31 marzo
-nuoto
Tot. 112 v. (2900m)
20 v. riscald.mio
10 v. riscaldamento maestro
36 v. 9x100m a 1'50" con palette
12 v. 6x50m a 55"
16 v. 2x200m a 3'40"
12 v. (2x50m)x3 a 50"
10 v. defaticamento

Solo un sopportabile mal di gambe dopo la "mission impossible" di domenica.
Quando entro in vasca la prima sensazione è stata la morte...quanto fredda era sta cavolo di acqua??e queste sono state le ultime parole (pensate)famose prima dell'arrivo del maestro.
Non ci ha messo poi tanto infatti a scaldarci facendoci andare su e giù come nulla fosse,vi basti pensare che le serie da 100m sono state così illustrate:"ora mi fate delle serie da 100 a 1'50"...voi continuate finchè non vi dico io di fermarvi"
Lascio immaginare le facce di tutti....
per il resto è andata bene,non avevo particolar stanchezza,anzi ho tirato in testa per tutto il tempo.Avrei potuto tranquillamente andare sopra i 3000m totali,ma in testa avevo troppa confusione con il conteggio delle vasche e solo dopo aver verificato i dati sul crono me ne sono reso conto..

lunedì 30 marzo 2009

non ci sono parole...solo fatti!

No,davvero non ci sono parole per la giornata di ieri.
Dopo esattamente 3 mesi e 18 giorni di cattivi pensieri,cattive notizie,e tutto quanto può essere testimonianza di un anno finito male(2008) e cominciato peggio(2009) per quel che riguarda la mia vita privata...dopo tutto questo,in una domenica di fine marzo sono stato toccato da un raggio di sole nonostante il cadere di una pioggia incessante.


Fatta questa premessa che il 99% dei lettori non capirà(ma volevo farla) vado a sciabolare quel che è stata una gara strana,anzi stranissima!
Intanto il pettorale: n 1317 che a dirlo scandito suona anche 13 e 17,non male vero?Quasi un anticipo di come sarebbe stata la mia maratona.
Partenza!Come da copione mi appiccico ai pacer delle 3:15',gli stessi palloncini che qualche mese fa a Venezia reputavo "impossibili"...guardo il Garmin:ca**o stanno andando a 4'29" e il mio cuore li segue a ruota con i bpm ben sopra la soglia di sicurezza!
Ok,mi concentro sulla respirazione in modo da stabilizzarmi,ma i valori restano alti anche nei km a seguire.
Le gambe fortunatamente girano bene,tanto che comincio a pensare ai tempi di percorrenza e a cosa potrei fare stando con quel passo.
Purtroppo arriva il chilometro 15 e qui ecco che il 17 si sveglia!comincio a perder terreno,il respiro si fa afannoso,bpm sempre alti e lo sconforto sale.
Mi ripeto più volte che non è possibile quel che sta succedendo,è troppo presto!ed è impensabile abbia consumato tutte le energie! Riesco a venirne fuori al 20°km quando inizio a vedere gente che incita lungo la strada(forse dovevo distrarmi del tutto),intanto i pacer mi hanno staccato di un bel 3-400m e non è pensabile riprenderli dato che le gare fin oggi disputate hanno avuto per me una seconda parte più lenta.
Vabbè,prendo atto di questo e vado avanti per la mia strada...passano i minuti e il ritmo che ho impostato sembra andar bene,solo dopo mi accorgo che sto viaggiando nuovamente sui 4'28"con punte di 4'15"!
Non ci metto molto a raggiungere i pacer ormai ad un centinaio di metri avanti a me.
Ed ecco ancora il 17 che ritorna a far capolino!Stavolta sotto forma di dolore,si dolore al piede sx,lo stesso che mi ero sistemato la settimana scorsa....no,non ci credo!Faccio di tutto per non pensarci,ma non è una sensazione,è realtà e dopo circa un chilometro mi fermo tentando l'unica soluzione possibile:slacciare le stringhe della scarpa in modo da dare respiro al piede nella fase di richiamo.
Questo scherzetto mi costerà un giro sui 5'05"/km nonchè il secondo allontanamento dai pacer...quanti santi ho tirato giù lo sanno solo l'Altissimo e gli uomini della protezione civile a bordo strada!
Non so come riesco a mantenere nuovamente il ritmo di prima,solo i bpm hanno avuto un ulteriore impennata,tanto per farvi capire sono gli stessi di quando faccio le ripetute sui 3000m,ciò nonostante le gambe ed il respiro sono perfetti!potrei continuare così fino alla fine ed è così che accade.....gestendo bene i rifornimenti e mantenendo sempre il passo riprendo per la terza volta i pacer(ero incredulo,non mi sembrava vero) e con con un colpo di sana cattiveria aumento ancora l'andatura.
Ormai sono al 37°e la crisi,se non quella al 15°non si fa vedere...comincio a credere che oggi l'impresa sarà più grande di me,penso a quel ho passato nei km precedenti e non posso che sorridere(son matto),penso che sta piovendo e per ora questo è stata l'ultima delle avversità,penso che forse mi verrà,(anzi è lì che aspetta) un crampo alla gamba destra usata di più per alleggerire il piede sinistro,penso a tante cose,penso ai mesi di allenamento che forse non sono andati persi,penso che ti penso sono al 40°!
Ormai è fatta!Non posso farci niente,aumento ancora l'andatura,(sicuramente questo è successo solo nella mia testa)ora sono un cannibale e uno alla volta "mangio" chi mi precede,
eccolo!vedo l'arco degli ultimi 200m,mi spoglio del gillet,mi tolgo il berretto,100m ormai,50m ed alzo le braccia al cielo!guardami sfortuna!guardami periodo di m**da!
oggi ho vinto io la Treviso marathon! 3:13'26" mi vien da piangere,ma sarebbe acqua aggiunta all'acqua!


Controllo Km Tempo min/Km Parziale min/Km RealTime
Km 10 - S. Vendemiano 10.000 00:47:11 4.43 00:47:11 4.43 00:46:50
Mezza Maratona - Susegana 21.097 01:37:54 4.38 00:50:43 4.34 01:37:33
Km 40 40.000 03:01:33 4.32 01:23:39 4.25 03:01:12
Arrivo 42.195 03:13:47 4.35 00:12:14 5.34 03:13:26

p.s. lascio trovare a voi dove in tutto questo si nasconde il 13...
p.s.s. seconda parte di gara più veloce della prima di 1' e poco più,allora è vero che c'è sempre una prima volta!
p.s.s sono sicurissimo del fatto che se ci fosse stata una giornata di sole sarei scoppiato.

venerdì 27 marzo 2009

quel che è fatto è fatto,incrociamo le dita!

giovedì 26 marzo
-corsa

km 12
T.tot 55'548"
R.med 4'39"
Bpm 161

Bene,e con ieri ho concluso l'ultimo allenamento che farà da trampolino per Treviso.
Serata fin toppo fresca e per non rischiare mal di gola o altro mi son ben vestito,tanto per dire:2 maglie,pantaloni lunghi,guanti e berretto (non ho sudato poi molto)
Consapevole di avere il cuore impazzito a causa dei troppi caffè bevuti in giornata(ho preso sonno alle 2 di notte!) non mi ha fatto strano vedere i bpm più alti del solito.
Il ritmo tenuto sarebbe lo stesso da fare domenica e cuore a parte le gambe mi sembravano accondiscendenti.
Il piede sembrerebbe definitivamente a posto,ma il cattivo meteo previsto può sempre far riaffiorare dolori passati e questo vale senz'altro per quanto mio riguarda.
Ultima cosa per cui tengo le dita incrociate è l'influenza.A casa si sono stabiliti gli untori e tra tosse e voci rauche mi vien da star male per empatia!
Ieri ho saltato nuoto e lo farò anche domani,il tutto per prevenire stanchezza e quindi indebolimento fisico e quindi terreno fertile a virus vari...speriamo bene,altro non posso fare.

giovedì 26 marzo 2009

liberate la mente

video


Artista:
Eddie Vedder
Titolo Originale: No Ceiling(Non Ha Un Tetto)


Arriva il mattino
quando riesco a sentire che
non è rimasto niente da cui nascondersi
mi muovo in una scena surreale
no, il mio cuore non sarà mai,
non sarà mai lontano da qui

sicuro come il fatto che sto respirando
sicuro come il mio essere triste
terrò questa saggezza nella mia carne
me ne vado da qui credendo più di prima
e c'è una ragione, una ragione per cui tornerò

mentre cammino per l'emisfero
ho il desiderio di sollevarmi e scomparire

sono stato ferito, sono stato guarito
adesso per atterrare, per atterrare sono stato liberato

sicuro come il fatto che sto respirando
sicuro come il mio essere triste
terrò questa saggezza nella mia carne

me ne vado da qui credendo più di prima
questo amore non ha un tetto

Nell'ultimo periodo questa canzone accompagna la mia corsa all'ora del tramonto,troppo breve,sicuramente troppo breve tanto che la riascolto infinite volte.Non vi da veramente la sensazione(anche prima di sapere il testo) di intraprendere un cammino?
tratto dalla colonna sonora del film "in to the wild"del 2007

mercoledì 25 marzo 2009

ultime ripetute

martedì 24 marzo
-corsa

km 14 rip.5x1000m rec.2'00"
T.tot 1:06'48"
R.med 4'46"
Bpm 150

T.ripet._________Bpm
  1. 4'03"________158
  2. 4'00"________163
  3. 3'55"________164
  4. 4'04"________164
  5. 4'03"________164
Beh,effettivamente la parola "qualcosina"è stata ulteriormente limata(mi riferisco ai commenti del post di ieri).
A mia discolpa posso dire di tener conto dei Bpm che sono a mio parere molto bassi rispetto alle ripetute in cui "tiro" e che dire...le ho fatte senza difficoltà,un pò di impegno ce lo dovevo pur mettere no?magari fosse sempre così!


note sulla corsetta:ero particolarmente nervoso ieri sera,il che è solo un modo più forbito per non dire incazzato come una iena...ecco l'ho detto.


martedì 24 marzo 2009

vediamo un pò

lunedì 23 marzo
-corsa
km 12
T.tot 55'49"
R.med 4'39"
Bpm 150

Serata fresca,anche troppo dato che ho dovuto recuperare i guanti appena messi nella borsa invernale...
Obbiettivo:riprendere ulteriore confidenza con la corsa dopo lo stop dei giorni scorsi e velocizzare il ritmo per prender fiducia del ritmo maratona.
Ancora qualche "sensazione"al piede,che non è buona cosa,ma voglio essere ottimista quindi sorvolo su eventuali problemi.



martedì 24 marzo
-nuoto
Tot. 136 v. (3400m)
24 v. riscald.mio
10 v. riscaldamento maestro
40 v. 5x200m a 3'40"
16 v. (100m+50m+50m)x2 a 1'40"+50"+50"
16 v. 4x(500m)x2 lanciati
30 v. 3x250m in scioltezza

Anche oggi tutto bene,le 5 serie da 200m fatte ad un ritmo "quasi gara"perciò il resto dell'allenamento è stato fatto con evidente stanchezza.

lunedì 23 marzo 2009

pochi giorni al via

Dopo il riposo forzato di 3-4 giorni,sabato con il nuoto e domenica con un'oretta scarsa di corsa ho ripreso a muovermi.
La gamba,nonchè il piede hanno deciso di darmi sollievo,ma continuo comunque a muovermi con movimenti dolci e calcolati per evitare ricadute.
Ecco i resoconti del week-end:


sabato 21 marzo

-nuoto
Tot. 144 v. (3600m)
20 v. riscald.mio
16 v. tecnica
16 v. 400m con palette
16 v. 8x50m a 50"
4 v. 100m lanciati
2 v. 2 scatti da 25m
70 v. 7x250m in scioltezza

Anche oggi un bell'allenamento acquatico in cui riesco ad esprimermi con buona tecnica e velocità,almeno questo dicono i tempi sulle varie serie.
Non c'è che dire,da quando la sera prima del nuoto non mi affatico con la corsa(problemi fisici a parte)i risultati sono cresciuti vistosamente.


domenica 22 marzo
-corsa
km 11
T.tot 53'07"
R.med 4'47"
Bpm 151

Dopo essermi caricato guardando per tv la maratona di Roma e tremando all'idea di farne una tra meno di una settimana,mi son vestito di tutto punto ed ho cominciato la fase di ricostruzione fiato,gamba,cuore(per quanto si possa ricostruire in cinque giorni).
Son partito piano e speranzoso che il problema al piede si fosse del tutto risolto e così è stato anche se non mi sento di essere al 100%.
Corsa blanda i primi km e poi via,come viene viene.Qualche sensazione di "intaso"a livello di fiato,qualche tiro ai polpacci ma passo dopo passo il Fabio runner si smolla e trova un ritmo che pensava fosse perso.Avrei potuto continuare per altri 5km,ma con grande autocontrollo(quello che non mi contraddistingue solitamente)ho deciso di non forzare in previsione di domani e delle ultime(forse)ripetute di martedì.


mercoledì 18 marzo 2009

nervi a fior di pelle

Eccomi fresco di ritorno dal fisioterapista,nonchè "tira ossi"come spesso si dice da queste parti.
Il famoso fastidio/dolore che mi affliggeva il dito del piede era causato da un accavallamento di un nervo,sto maledetto!Di solito grazie alla lunga esperienza con questo genere di problemi (quando giocavo a calcio)me ne accorgevo subito,ma stavolta non riesco a capire come sia successo.
Tutto risolto quindi,però il pegno è alto:riposo assoluto dalla corsa fino a lunedì!
Per vari motivi (mal di gola,pioggia,piede)non riesco a fare due settimane di carico consecutive,alternando sempre tanti km con pochissimi km e anche stavolta sarà così.
Solo il nuoto mi è concesso e a pochi giorni da Trevisomarathon questa non ci voleva,fortuna che ieri stringendo i denti mi son portato a casa altre serie di ripetute.
Domenica22 poi avrei avuto la "classica" del mio paese con un circuito di 19 km che passava praticamente sotto casa e lungo le stradine sterrate del Piave,davvero un peccato non esserci...
Qui di seguito un rapido aggiornamento sugli allenamenti dei giorni scorsi,a cominciare da un "combinato"del sabato con km su km percorsi e il ritorno al meglio su di una bici finalmente tolta dai rulli.


nuoto+bici+corsa


sabato 14 marzo mattino
-nuoto

Tot. 130 v. (3250m)
30 v. riscald.mio
10 v. riscald.maestro
24 v. 6x100m a 1'50" con palette
16 v. (2x50m)x4 a 50"
8 v. 200m lanciati
2 v. defaticamento
40 v. in scioltezza

Bell'allenamento nonostante nelle ultime settimane sia un pò discontinuo con l'appuntamento in vasca.Dopo le serie da 100m con palette sono stato letteralmente spedito in corsia 1,ero troppo veloce per la 2,evviva!

primo pomeriggio
-bici
km 51
Ttot. 1:52'36"
Vmed. 27,2
Watt 96
Bpm 135
cad 75

Da settembre 2008 che non vedevo l'asfalto standomene seduto sul trespolo della mia bici!
Lo so,da triatleta non dovrei neanche dirlo,figuriamoci a scriverlo...
Bella giornatona di sole ed endorfine ancora alte dalla proficua mattinata natatoria ,allora eccomi al via per un giretto di ambientamento dopo il grigiore e freddo invernale!
Credevo di esser preso molto peggio a livello di gambe e se non fosse stato per le salite ardite del Montello la Vmedia sarebbe stata sicuramente sopra i 30km/h.
Il percorso affrontato l'ho deciso strada facendo,ma l'idea era di stare sulla 40ina di chilometri,poi ne son scappati di più,ma tutto di guadagnato no?
Dopo praticamente 19km di piano ho affrontato lo stesso identico tracciato collinare che uso per la corsa a piedi e li,sulla prima salitona lo stridìo delle gambe arrugginite ha fatto abbaiare più di qualche cane.Ancora qualche uscita e quel tratto di strada non sarà più così impegnativo.
Ritorno verso casa stando tutto il tempo sopra i 30km/h anche troppo per me.


tardo pomeriggio
-corsa
km 13
T.tot 1:01'46"
R.med 4'45"
Bpm 149

Accidenti!davvero dura dopo la bici.All'inizio le gambe non rispondevano bene,sentivo infatti i quadricipiti imballati,ma la mia preoccupazione era spostata sul dolore al dito del piede.
A pagarne le conseguenze è stato il ritmo che variava non tanto per la stanchezza quanto invece a seconda delle fitte al piede.
Sicuramente non ho mantenuto uno stile podistico da imitare,sentivo infatti che correvo un pòscoordinato e a tratti ondeggiante,insomma un brutto vedere!




domenica 15 marzo

-corsa

km 15
T.tot 1:09'47"
R.med 4'39"
Bpm 150

Ok,solito dolore e stavolta avevo anche il pranzo sullo stomaco,ma niente mi ha potuto fermare dal papparmi altri km per un totale di 85 settimanali.
Buon Rmed e nessun mal di gambe dovuto al giorno prima.




martedì 17marzo
-nuoto
Tot. 134 v. (3350m)
20 v. riscald.mio
24 v. 6x100m a 1'40" con palette
32 v.4x200m a 3'40"
16 v. 8x50m a 50"
8 v. (2x50m)x2 a 50"
4 v. 4x25m scatti
30 v. defaticamento

Acora tutto bene,buone sensazioni,buona velocità e fatica contenuta,
avanti tutta!


nel pomeriggio

-corsa

km 23 rip.4x2000m rec.3'30"
T.tot 1:18'40"
R.med 4'43"
Bpm 150

T.ripet.______ R.med ______Bpm
  1. 7'39"56____3'50"____168
  2. 7'33"03____3'47"____170
  3. 7'37"70____3'49"____166
  4. 7'47"23____3'54"____169
Nelle ripetute sono stato forse qualcosina più veloce dell'altra volta sui 2000m,ma poca cosa.
Indubbiamente il fastidio/dolore ha contribuito nell'innervosirmi,ma niente in confronto con il ritorno verso casa in cui ho tirato giù più di una Madonna dalle fitte che mi venivano.
Serata passata sul divano con il ghiaccio e gamba alta mentre mi guardavo X-factor...La Maionchi è troppo forte....ah ah ah

venerdì 13 marzo 2009

da ridere...


Ecco cos'ho trovato girando per forum:
Un'intervista fatta a Giovanni di Aldo Giovanni e Giacomo ospite di F.Fazio a Che tempo che fa,in cui racconta (accompagnato dal mitico Pietro Trabucchi) in modo spassoso gli allenamenti che lo introdurranno alla sua prossima impresa...vedere per ridere!

Cliccate sopra il link e digitate negli spazi a sinistra:

nome:
Giovanni Storti

anno:
2009

mese:
2

Aiah 2!


giovedì 12 marzo
-corsa
km 17
T.tot 1:21'33"
R.med 4'48"
Bpm 147

Il mal di gambe del giorno prima sembrava essersi placato,ma nonostante questo l'intenzione era di fare una corsetta easy.Appena parto mi rendo conto di stare bene,le gambe girano e la mente è sgombra.Primo chilometro attorno ai 4'55",niente di chè,secondo e terzo chilometro 4'38"e 4'35",praticamente non me ne sono reso conto,ma andavo in bomba!finchè....finchè mi è partita una fitta al piede sx,più precisamente sulla parte alta del secondo e terzo dito.
Come da copione in questi casi faccio finta di niente,ma non passano un centinaio di metri che son costretto a fermarmi e verificare di non aver stretto troppo i lacci delle scarpe.No,tutto a posto,allora provo a massaggiare la parte lesa,ma non si tratta di muscolo quanto invece dei tendini...accidenti!Non saranno mica infiammati?!Credo di si.Proseguo ancora nella speranza che il dolore si attenui e in effetti è così unica controindicazione il Rmed cala di parecchio(d'altronde volevo si o no un easy?).Col passare dei minuti e dei km riesco a tenere sotto controllo la situazione tanto che passo dal:ritorno a casa dopo 20' all'1:21' totale con un discreto passo medio e con gli ultimi 2 km in progressivo.
Ad oggi sento ancora dolore/fastidio specie se alzo il piede in maniera brusca.Pomata sfiammante messa,allacciatura leggera alle scarpe fatta,riposo...vedo stasera.

giovedì 12 marzo 2009

Aiah!

mercoledì 11 marzo
-corsa rip8x1000 rec2'
km 23
T.tot 1:50'06"
R.med 4'47"
Bpm 147

Troppo,troppo e ancora troppo il tempo al quale non ho più dedicato questo genere di allenamento.
Mettendoci però della buona volontà ieri son riuscito a fare 8 serie da 1000 metri.
Parto con un riscaldamento lungo di circa 9km finchè non arrivo in Zona Industriale,un pò di stracing,un'ultimo sorso di gatorade,qualche bel respiro profondo e via!


  1. 3'40"___163 bpm
  2. 3'43"___165 bpm
  3. 3'46"___164 bpm
  4. 3'42"___170 bpm
  5. 3'48"___167 bpm da qui in poi come con il freno a mano tirato
  6. 3'52"___167 bpm
  7. 3'49"___167 bpm
  8. 3'50"___167 bpm

Queste sottosono le stesse ripetute fatte circa a metà gennaio...
  1. 3'48"
  2. 3'48"
  3. 3'46"
  4. 3'48"
  5. 3'50"
  6. 3'50"
  7. 3'53"
  8. 3'47"
La media è stata migliore di 2" rispetto a gennaio,ma mi sembra il minimo dopo tutti i km percorsi in questi due mesi.
A livello di respirazione devo dire che mi son trovato a posto,il fattore limitante invece è stato l'affaticamento ai tricipiti delle gambe che hanno influenzato notevolmente il risultato.
Ho fatto un pò di fatica già nelle prime tre ripetute e successivamente non c'è stato nulla da fare,il resto dei tempi l'ho portato a casa stringendo veramente i denti.
Non so a cosa sia dovuta la stanchezza che sentivo e mi fa strano dato che martedì non ho esagerato,boh?
Comunque adesso ricomincia il mio 2°piano di recupero per quanto riguarda gli allenamenti veloci,o la va....o la spacca....o mi spacco.

mercoledì 11 marzo 2009

vediamo di ricominciare

martedì 10 marzo
-corsa
km 17
T.tot 1:20'14"
R.med 4'43"
Bpm 150


Ieri ho ripreso con quello spero diventi normalità da qui alla maratona di Treviso e cioè un allenamento fatto bene.

Archiviato definitivamente il mal di gola e l'idea di fare un altro lunghissimo ho solo l'obbligo assoluto di ricominciare con qualche ripetuta vista la latitanza delle settimane passate,ma
prima di poter"schiacciare l'acceleratore" avevo bisogno di testare l'efficenza del motore,così ho optato per una corsa classica,con partenza tranquilla e leggero aumento chilometro dopo chilometro.
Primi 10' con gambe legnose,ma di lì a breve la sensazione sarebbe scomparsa e i Bpm (che erano la mia paura principale)son rimasti tutto sommato nella norma.
La temperatura quasi primaverile ed il passo tenuto mi avrebbero concesso di percorrere una ventina di km,ma non volevo stancarmi troppo in previsione degli 8x1000 di domani.
Solo dopo la doccia mi si posata sulle spalle una coperta di stanchezza indicibile,d'altronde avevo anche sparato molte cartucce nella nuotata del mattino...

me ne ero quasi dimenticato...





Ecco alcune foto della maratonina corsa l'8 febbraio a Vittorio Veneto in cui il tempo(inteso sia come meteo che come crono)non è stato dei migliori.


Credevo non sarebbero riusciti a dare un nome al soggetto fotografato a causa del gillet anti vento e invece,bravi photosprint.

Più che logico che quel giorno non ci sia scappato il personale...guarda che faccia!

martedì 10 marzo 2009

swim

martedì 10 marzo
-nuoto
Tot. 130 v. (3250m)
32 v. riscald.mio
14 v. riscald.maestro
16 v. 8x50m a 55"
40 v. (2x100m)x5 a 1'40"
6 v. defaticamento
2 v. 2x25m scatti
20 v. in scioltezza

Stamattina c'ero,nel senso che ero presente sia fisicamente che mentalmente ed infatti mi son portato a casa un buonissimo allenamento fatto tutto d'un fiato.
Anche se nei post non li elenco ho migliorato vistosamente i tempi sulle varie serie da 50,100,200m,prova del fatto che non mi sono svegliato tutto l'inverno alle 5 per cazzeggiare.
Ora sono quasi pronto a fare il gran passo o per restare in tema "la gran bracciata"e avanzare nella prima corsia,rimanendo nelle retrovie ovvio,ma dovendo comunque sopportare ritmi più veloci e tempi di recupero minori.
Se non è questione di giorni sarà di poche settimane,intanto la fiducia con il mezzo aumenta.

p.s. Lavoro quasi tutto svolto in soglia,come lo so?A parte i muscoli delle braccia quasi morti e nonostante fossi sprovvisto di cardiofrequenzimetro non ho avuto difficoltà a sentire le pulsazioni rimbombarmi nei timpani...sembrava di stare in discoteca....bum,bum,bum,bum,bum

lunedì 9 marzo 2009

Fabio vs 17°rally colli trevigiani


sabato 7 marzo
-corsa collinare
km 25
T.tot 2:03'44"
R.med 4'57"
Bpm 162

Come mi ero promesso di fare e complice una giornata spettacolare ho affrontato per la seconda volta un collinare.L'intenzione ambiziosa e forse assurda dopo la pausa podistica della settimana era quella di fare un lunghissimo tra sali e scendi percorrendo la dorsale del Montello.
La corsetta è cominciata bene,nonostante i Bpm siano schizzati fin dalla prima salita alle stelle.Ho cercato di controllare l'andatura per quel che erano le mie possibilità attuali ed è stato imbarazzante vedere quanto si possa perdere in prestazioni appena si molli un attimo con gli allenamenti.
La giornata filava via liscia ed il sole ancora alto sull'orizzonte ce la metteva tutta nel farmi sudare.Al 5°chilometro vedo transenne che sbarrano la strada e cartelli con su scritto "attenzione corsa".Non ci ho messo poi tanto a scoprire che non si trattava di una garetta podistica quanto invece di un rally(visti anche gli spettatori per la maggioranza muniti di auto con mega spoiler,terminali di scarico esagerati e sguardi nei miei confronti del tipo:dove cazzo va questo!?) Appena trovo qualcuno del sevizio gara mi fermo a chiedere di che cosa si trattasse e quali sarebbero stati gli orari.Risposta quasi rinfrancante dato che allo start mancava ancora un'oretta,ma fatti i dovuti conti non è che avessi tutto sto tempo per farmi un trentino(nel senso dei km).Decido di proseguire pensando il più positivo possibile,mal che vada taglierò per stradine,ovvero le famose "prese".
Fisicamente stavo bene,tranne per il fatto del sudare tantissimo e che i livelli di "lingua felpata"stavano aumentando drasticamente.Dopo circa 8 km trovo il primo ristoro in una fontanella gradita come un'oasi nel deserto,bevo e proseguo con la mia corsetta che al momento mi vede sempre con un bel passo tenuto conto della maggioranza del dislivello positivo.
Con mio rammarico controllo il garmin e vedo che il tempo stringe,davvero un peccato perchè non mancava molto a toccare i 15 km di andata.
Mi giro e aumento leggermente l'andatura,ormai mancano 20'alla partenza della gara e son ancora distante dalla zona interessata.Finalmente arrrivo al posto di blocco e li mi si dice che ormai non è più possibile proseguire e che l'unico modo sarebbe stato quello del:"tajar so par campi"(tagliar giù per campi)
Ok,a mali estremi....un pò di sterrato non è certo la fine del mondo e così tra terra e fango diminuisco i km che mi separano dal parcheggio,nonchè dall'auto.
Purtroppo non è tutto così semplice e finita con la campestre sono obbligato a ritornare sulla strada,ovvero circuito da lì a pochi minuti.
Riesco facendo la faccia d'angelo a farmi dare il permesso da un addetto alla sicurezza nel percorrere 1 km verso casa,con la promessa che appena sentirò l'auto a sirene spiegate dovrò farmi da parte perchè la partenza sarà questione di attimi.
Niente da fare!mi sarebbero bastati 500m per potermene tranquillamente tornare alla base quando ecco il ni-no-ni-no-ni-no-ni della macchina apripista!Prima che che mi raggiunga riesco a scalare una parete di terra mista a rovi e mettermi così al riparo da tutto.
Tasto stop del garmin e mi incammino verso quello che sarà il mio punto di vista per almeno mezz'ora buona di gara.Pazienza mi dico,almeno vedrò qualcosa di nuovo,e ci sarà materiale da scrivere nel blog...
Mentre sono fermo che accenno ad un pò di stracing sento in lontananza il boato dei motori,un ruggire sempre più vicino che spacca letteralmente la quiete dei boschi del Montello.Ecco la prima auto!che missile!L'impressione è quella che non riesca a far la curva,ma ragazzi l'assetto è perfetto e le gomme sembrano incollate alla strada!forte!non c'è che dire!
Rimango appunto una mezz'oretta guardando le auto via via sempre più potenti che si succedono,finchè non comincio ad avere dei brividi di freddo e mi costringo nel cercare una strada alternativa per portare a casa le chiappe.
Riesco a risolvere una situazione che sembrava impossibile attraversando una collina per un sentiero e tenendo come punto di riferimento il rumore proveniente dai bolidi.Finalmente sono sulla retta via che era smarrita pronto per riprendere una corsa con le gambe ormai fredde e dure come tronchi da ardere...penso sia stata la mezz'oretta fermo ad aver compromesso l'efficenza nel finale di allenamento,con quasi crampi ai polpacci e poche energie mentali ancora disponibili.
Addio 30 km,impossibili in quelle condizioni,riesco giusto in un colpo di reni che mi porta dai 22 ai 25km finali....di più proprio non potevo.

Una giornata per certi versi avventurosa non c'è che dire,in cui il bipede(Io)ha dovuto cedere all'incalzare della trazione intergrale...




domenica 8 marzo
-rulli
km 26,3
Ttot. 1:08''30"
Vmed. 22,8
Watt 120
Bpm 125
cad 82

Dopo ieri le gambe risultavano ancora pesantine.Opzione più valida senz'altro quella di una rullata...

sabato 7 marzo 2009

piano piano si riprende

giovedì 5 marzo
-nuoto
Tot. 142 v. (3550m)
32 v. riscald.mio
10 v. riscald.maestro
32 v. 2x400m con palette
32 v. 4x200m a 3'15"
16 v. (4x50m)x2 a 50"
20 v. 2x250m

Fortunatamente il mal di gola sta scemando,non tanto però da permettermi una corsetta senza rischio di ricaduta.Mi concedo allora una nuotatina e devo dire che il risultato è stato dei più incoraggianti.
Forse il riposo,forse la carica esagerata di zuccheri degli ultimi giorni mi hanno permesso dei tempi in vasca fin troppo veloci,tanto da osare il passaggio in prima corsia senza traumi.

Obbiettivo finale sarebbe quello di rimanere nella corsia regina da qui a venire,anche perchè con "i motoscafi"lo stimolo a far bene cresce di gran lunga...


...nel pomeriggio

-rulli
km 25,1
Ttot. 1:07''48"
Vmed. 22,1
Watt 131
Bpm 121
cad 88

Complice il maltempo e il voler essere sicuro di riprendermi al meglio,stasera ho optato per una biciclettata sui rulli.
Noia e "Studio aperto"esclusi(fatalità l'orario in cui mi metto a rullare davanti alla TV è sempre quello) ho avuto buone sensazioni.
Per movimentare un pò la seduta ho fatto delle variazioni di ritmo,10 per la precisione intervallando 30"con difficoltà 4,a 30"con difficoltà 2.

Proverò sabato e domenica a riprendere le scarpe da corsa,sperando che meteo e fisico mi assistano...

Buon week-end a tutti!

martedì 3 marzo 2009

gola icendiata!


Approfitto del poco tempo a disposizione per aggiornare brevemente il blog,intanto sono ko tecnico causa un mal di gola che non lascia scampo...forse troppi km fatti settimana scorsa hanno indebolito la corazzata-Fabio,intanto sciarpona,aspirina e riposo!



venerdì 27 febbraio
-corsa
km 26
T.tot 1:56'36"
R.med 4'29"
Bpm 153

Voleva essere un lunghissimo di 30km,il terzo in previsione della gara di fine marzo,ma complice l'aver preso freddo allo stomaco ho dovuto abbandonare un'impresa che aveva dell'eccezzionale visto il Rmed.Anche la salita verso il bagno è stata degna di un centometrista!
Intanto sono più che soddisfatto delle scarpe!Nessuna vescica nonostante i ritmi a cui viaggio non siano proprio usuali per me.



sabato 28 febbraio
-nuoto
Tot. 140 v. (3500m)
28 v. riscald.mio
12 v. riscald.maestro
16 v. 8x50m a 55"
16 v. 400m con palette
4 v. 4x25m scatti
4 v. 100m fatti veloci
60 v. 6x250m

Oggi particolar cura della tecnica con il maestro e per aggiungere un pò di metri una sessantina di vasche con pausa di 50" ogni 10.

...nel pomeriggio
-corsa
km 21,1
T.tot 1:35'32"
R.med 4'31"
Bpm 152

Bella giornata e dopo aver recuperato i dolori del giorno prima mi son fidato a fare un'altra bella scorpacciata di km,stavolta ben vestito...